Sogno di un lussurioso

La notte dell’otto aprile, incapace di trovare una valvola di sfogo ai suoi desideri, D inghiottì sedativi. Presto piombò in una selva oscura, dove incontrò un grosso gatto ossuto sdraiato sulla strada e morente. A D parve che quegli occhi ferini stessero puntando il suo sternocleidomastoideo come ultimo desiderio vitale. Il ruggito di dolore che lanciò la bestia risuonò nelle orecchie di D come la voce stessa della voluttà. A veder la lince ridotta così, ormai ombra dell’animale gargantuesco che doveva essere stata un tempo, D provò pietà. Cercò un sasso o un bastone abbastanza robusto per finirla, ma là attorno raccolse soltanto pomici e rami marci, testimoni di un mondo che gli si sfaldava fra le mani. Rinunciò e decise di proseguire. Se si fosse fermato ancora avrebbe finito per intuarsi, si disse, per provare la stessa insaziabile brama di carne della lince ferita.
Riprese il cammino e più avanti incontrò un orrido profondo e oscuro, stretto come un capillare, che penetrava le viscere del mondo come un foro di proiettile. Al limite del baratro non gli riuscì di trattenere il brivido: l’adrenalina gli pizzicava cuore e polmoni quando si lasciò andare all’oscurità. Nella caduta udì il mugghiare di un mare in tempesta e si ritrovò a surfare tra onde piene di corpi umani incapaci di sottomettere gli istinti alla ragione. Lo terrorizzò riconoscere tra quei corpi intrecciati la riproduzione infinita di se stesso. Chiuse gli occhi e urlò tutte le preghiere che conosceva. Non servirono a nulla; lo consolò soltanto il ricordo della simmetria e delle regole del cosmo: la terra smossa per formare il pozzo genera altrove la montagna. Aggrappato a quel pensiero riaprì gli occhi per rivedere la sua stanza nella luce del mattino.

blake_divinecomedy8

William Blake, La Divina Commedia, illustrazione del Canto V dell’inferno 

 

Continua a leggere

Annunci

Le parole che ripeto

 

Screenshot_2017-03-19-11-53-40

   Veneto, Italia, linee, fossi, la campagna, la città di Rovigo, la parola photo, photography. Nital, la parola è Nital, no è Italy, no è Nikonitalia, è rimasto qualcosa negli occhi, un’altra parola: Feltrinelli. I libri, Morelli! Che racconti scrittore cane! I libri! Perché tra i molti libri di fotografia ci sarai rimasto! Del resto sarai tra i ricordi, si disse, ti sembra di vedere la realtà perché qualcosa resta. Pare un racconto di Cortázar o di Antonio Tabucchi, letteratura così. Un quadro, una fotografia, e sembra di poter vedere la realtà stessa perché ne resta l’immagine nella mente. Poi una finestra sul mare, le onde al tramonto, il canto del vento tra le parole di un libro: allora sarà così la morte?

 

(un breve racconto ispirato dalle parole che ho usato spesso nei post che pubblico su Facebook. L’immagine è stata ottenuta con l’app Quizzstar.com)