Le parole che ripeto

 

Screenshot_2017-03-19-11-53-40

   Veneto, Italia, linee, fossi, la campagna, la città di Rovigo, la parola photo, photography. Nital, la parola è Nital, no è Italy, no è Nikonitalia, è rimasto qualcosa negli occhi, un’altra parola: Feltrinelli. I libri, Morelli! Che racconti scrittore cane! I libri! Perché tra i molti libri di fotografia ci sarai rimasto! Del resto sarai tra i ricordi, si disse, ti sembra di vedere la realtà perché qualcosa resta. Pare un racconto di Cortázar o di Antonio Tabucchi, letteratura così. Un quadro, una fotografia, e sembra di poter vedere la realtà stessa perché ne resta l’immagine nella mente. Poi una finestra sul mare, le onde al tramonto, il canto del vento tra le parole di un libro: allora sarà così la morte?

 

(un breve racconto ispirato dalle parole che ho usato spesso nei post che pubblico su Facebook. L’immagine è stata ottenuta con l’app Quizzstar.com)

 

Annunci

Un pensiero su “Le parole che ripeto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...