f/16, 1/125

  È uno scorcio privo di turisti: troppo obbedienti alle guide per perdersi nel labirinto di possibilità che offre la città. È un luogo caro soltanto ai residenti o agli spiriti anarchici, agli amanti di un regno di muri umidi e scrostati e di barche trascinate in secca e lasciate a marcire alla salsedine. E poi è estate, non si può non riconoscerla: lo dicono le maniche della camicia dell’uomo, arrotolate all’altezza dei gomiti, e gli occhiali da sole della donna, le sue braccia nude e abbronzate, il vestitino azzurro di cotone leggero. E devono essere le due o le tre di un pomeriggio di settembre – bisognerebbe saper interpretare le ombre distese sul lastricato per esserne certi – ma adesso giugno luglio agosto o settembre è lo stesso, non importa più.
Tutto è immobile. Solo i rami dell’albero alle spalle della donna, cortesemente inclinati da un lato, suggeriscono un alito di brezza marina sfuggito all’intrico di vicoli della città vecchia e approdato qui, in questo spazio sonnolento. La donna ha appena gridato «Sei un verme» o qualcosa del genere; è questo il germe di cristallizzazione. Il candore dei denti risplende nella luce pomeridiana. La testa è ancora protesa in avanti, i lineamenti del viso raccontano una storia di dolore compresso e profondo rancore. Ma il tempo ha già ingoiato le parole; è rimasto solo il rancore, lo si intuisce dalla bocca ancora spalancata sull’ultima sillaba. Ce l’ha con l’uomo che le sta di fronte, l’uomo su cui non si può che speculare: solo l’albero e la donna conoscono il suo volto, da qui non si vede che la schiena. Pertanto è naturale procedere secondo luoghi comuni: l’uomo è un traditore, già lo si immagina a letto con un’altra donna, un’amante di lunga data probabilmente; oppure è il contrario, l’amante è questa donna e le ha appena detto che non lascerà la moglie e i figli per lei. Dalla schiena leggermente ricurva si direbbe un uomo riservato. «I bambini, capisci?» Dev’essersi giustificato così, deve averlo detto a denti stretti, quasi sussurrato per non farsi sentire. È tutto così semplice. Si direbbe banale, prevedibile. Com’è prevedibile l’azione successiva della donna: si volterà, andrà via a testa bassa se vinceranno le lacrime, a testa alta se vincerà l’orgoglio (le lacrime arriveranno lo stesso, più tardi). E anche la successiva reazione dell’uomo sarà ancora una volta prevedibile.
Ma adesso non si può dire davvero, non si può dire nulla. Adesso c’è solo la schiena di un uomo, le spalle basse e la nuca rassegnata al sole. Bisognerebbe essere l’albero o la donna per conoscere qualcosa di più su questa storia. Almeno le espressioni sul volto dell’uomo, per non descriverlo soltanto come un manichino inquietante. Ma in fondo che importa? Che importa ciò che è successo? Forse quello che conta è soltanto la donna, l’eterna sillaba fissata sulla sua bocca, e quei denti bianchi che già accolgono il futuro, perché sa che l’uomo non la seguirà, non la tratterrà – non lo farà perché lui non ha mai fatto niente – è una bocca che sorride già di un riso liberatorio e consolante proprio nel momento in cui il passato, il presente e il futuro si sono condensati in un lampo di luce e tutto il resto è rimasto tagliato fuori dal riquadro della fotografia.

per-racconto-fotografia

Illustrazione di Marco Capra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...